CORTINA E LA SFARÍA: PRIMA CHE FOSSE “POWDER”

«La neve di primavera è meravigliosa ma la vera, la grande, la sublime, la matematica neve è quella polverosa, microscopica neve a ghiaccioli di pieno inverno, in gennaio. La bellezza di questa neve è nutrita dal silenzio e dalla luce: una luce fredda e purissima radente o a picco, senza ombre, dove il blu del cielo si appoggia al candore delle vette e dei monti, e il sole è un disco bianco e rovente come la bocca di un altoforno nell’infinito. Allora cominciare a sciare, avendo davanti a sé una lunga discesa immacolata dove nessuno è mai passato, soli, contro il sole, aspirando quel profumo quasi impercettibile che il sole estrae dalla neve, ascoltando i suoni interni dei propri muscoli, del respiro, dello sguardo e soprattutto il suono della propria energia in espansione, allora, e solo allora e per pochi istanti, si può dire e ripetere e ricordare: “Si, sono e sono stato veramente felice di vivere”» (Goffredo Parise, “Accade a Cortina”, Corriere della Sera, 14 gennaio 1980)

 

Cortina d’Ampezzo, 6 novembre 2020_C’è una neve talmente leggera da sembrare polvere: basta un movimento per sollevarla e creare una nuvola candida.  Ѐ quella che gli sportivi e gli amanti della montagna chiamano powder e, a Cortina, ha storicamente il nome di Sfaría. Ѐ la stessa che Goffredo Parise descrive con toni entusiastici nel suo articolo “Accade a Cortina”, pubblicato sul Corriere della Sera il 14 gennaio 1980: “la vera, la grande, la sublime, la matematica neve”.

Aspettando il momento ideale per godere di tutta la bellezza dell’inverno, la Regina delle Dolomiti percorre con la mente gli ski tour e le proposte fuori dai tracciati più battuti elaborate dalle guide alpine; e si prepara con i nuovi guidebook online ad assaporare le sue tredici piste nere e quelle dei Mondiali, in attesa di viverle con gli sci ai piedi.

Gli ski tour per scoprire Cortina e dintorni con gli sci ai piedi sono tanti. Ad esempio c’è il Super 8: questo itinerario semplice, lungo, panoramico, si sviluppa sulle piste dei comprensori Cinque Torri e Lagazuoi toccando alcune delle cime dolomitiche più famose, come le Cinque Torri, l’Averau e il Nuvolau, il Lagazuoi, il gruppo di Fanis e delle Conturines. Il Giro della Grande Guerra, invece, permette di attraversare i campi di battaglia, le trincee e i sistemi di difesa delle truppe italiane e austroungariche della Prima Guerra Mondiale: un itinerario che si sviluppa sulle piste delle aree sciistiche del Lagazuoi, delle Cinque Torri, di Arabba, della Marmolada e del Civetta. Quello del Sellaronda, infine, si svolge su molti chilometri di piste da cui godere di panorami incantati nell’arco di tutta la giornata (https://bit.ly/2TT1776).

I Mondiali di sci alpino si avvicinano e chi ama questa disciplina può, sin da ora, prepararsi con cura in attesa di scendere, non più virtualmente, lungo le piste dei campioni. Cortina Marketing, infatti, in collaborazione con Fondazione Cortina 2021, ha sviluppato un guidebook dedicato e, per utilizzarlo, basta scaricare l’app FatMap. Grazie al guidebook ogni utente dell’app avrà la possibilità di visualizzare le tracce satellitari di ogni pista da sci e conoscerne le caratteristiche (pendenza, lunghezza, dislivello) e le discipline che ospiterà.

Non solo. Grazie alla collaborazione tra Cortina Marketing, Ufficio Skipass di Cortina e Fondazione Cortina 2021 è a disposizione, tramite la medesima piattaforma, un secondo guidebook riservato alle 13 piste nere del comprensorio sciistico. L’idea è nata sulla scia dei video a tema “13 Nere” realizzati dalla Fondazione Cortina 2021 in collaborazione col campione di sci ampezzano Kristian Ghedina.

Se poi si vuole vivere la montagna invernale più “wild” c’è la proposta delle Guide Alpine di Cortina, che porta gli amanti dell’alta quota su itinerari poco battuti e nascosti, lontani dalla folla, indossando gli sci d’alpinismo, per poi scendere lungo pendii immacolati. Le modalità tra cui scegliere sono diverse: Ski Fitness (su strade forestali, utilizzando l’attrezzatura più leggera reperibile sul mercato, cercando un ritmo e una cadenza da esercizio aerobico prolungato),  Ski Touring Approach (escursioni  che non richiedono una grande preparazione dal punto di vista aerobico, con 600  metri di dislivello massimo e un ritmo “tranquillo”), Ski Touring Adventure (pendii ripidi, attraversamento di forcelle senza limiti e  confini, a tu per tu con la montagna). (Per informazioni e prenotazioni: 0436 868505 | info@guidecortina.com | www.guidecortina.com).

Per scoprire paesaggi incontaminati immersi nella calma e godersi la neve fresca è, infatti, via privilegiata dedicarsi allo sci alpinismo e il freeride in compagnia delle guide alpine, avendo sempre con sé l’equipaggiamento da valanga (ARTVA, pala, sonda). Grazie al primo si può coniugare il piacere di una salita fino alla vetta con l’emozione della discesa sugli sci. Mentre gli amanti del freeride possono trovare a Cortina alcuni tra i fuoripista più belli delle Dolomiti, i cui punti di partenza sono raggiungibili anche utilizzando gli impianti di risalita (https://bit.ly/388W22J).

Tra le proposte in tema, Dolomiti SkiRock ha predisposto diversi corsi: un corso di sci fuoripista, per imparare le tecniche e acquisire le informazioni necessarie per padroneggiare in sicurezza questa disciplina; un corso di scialpinismo, per apprendere le tecniche di sciata e di sicurezza sui diversi terreni d’azione nel rispetto delle diverse condizioni niveo-meteorologiche; un corso di autosoccorso in valanga e utilizzo ARTVA, che permette di imparare a gestire, con la dovuta preparazione tecnica e psicologica in un tempo breve e preciso, un autosoccorso in valanga. I corsi sono tenuti da una Guida Alpina Dolomiti SkiRock. (Per informazioni e prenotazioni: 324 7473939 | booking@dolomitiskirock.com | www.dolomitiskirock.com).

L’offerta di Cortina d’Ampezzo comprende un’ampia varietà di piste da sci e impianti di risalita ideale anche per gli snowboarder, sia i principianti che i più esperti. Per i neofiti le piste di Pocol sono la soluzione ideale, le aree delle Cinque Torri e del Lagazuoi sono invece perfette per sbizzarrirsi con salti e discese mozzafiato. Cortina, inoltre, ospita da sei anni la Coppa del Mondo di snowboard sulle piste del Faloria (https://bit.ly/2GvhNyu).

 

UFFICIO COMUNICAZIONE Cortina Marketing – Se.Am.

Chiara Costa chiara.costa@cortinamarketing.it

+39 0436/866252

cortina.dolomiti.org | cortinamarketing.it